Michael Berg Blog

/Michael Berg Blog
1307, 2017

PORTARE LA LUCE DELLA REDENZIONE FINALE IN TUTTO QUELLO CHE FACCIAMO

Al centro della porzione di Pinchas c’è un’anima chiamata Pinchas, la quale, come ci dicono i Kabbalisti, diventò Elijah il profeta, una delle poche persone il cui corpo e la cui anima rimasero completamente intatti. La morte non toccó Elijah il profeta. Allora, mi piacerebbe andare più a fondo per capire cosa fece Elijah che […]

907, 2017

LA DIFFERENZA TRA LA PROFEZIA DI MOSÈ E QUELLA BILAAM

Se c’è una porzione che si occupa veramente a fondo della profezia, è la porzione di Balak. Naturalmente, nella Torah, troviamo Mosè che era un profeta, possiamo leggere i Libri dei profeti, che riguardano molti grandi profeti. Ma ciò che distingue lo Shabbat Balak è che qui abbiamo un altro tipo di profeta, una persona […]

207, 2017

TUTTO CIÒ DI CUI ABBIAMO BISOGNO È PROPRIO DAVANTI AI NOSTRI OCCHI

Nella porzione Chukat, Mosè raduna intorno ad una roccia gli Israeliti che si stanno lamentando perché non hanno niente da bere. Il Creatore dice a Mosè di parlare alla roccia, che darà la sua acqua, invece lui la colpisce due volte. Allora il Creatore dice a Mosè e ad Aronne, ya’an lo he’emantem bi lehakdishemi, […]

1506, 2017

LA MOTIVAZIONE DELLE SPIE

All’inizio della porzione di Shlach Lecha, Mose’ invia, “per bocca del Creatore”, le dodici spie nella la Terra di Israele. Il Rashi, il grande Kabbalista e commentatore, dice che queste spie, soprattutto le dieci che non ce la fecero, erano persone di grande livello. Nel momento in cui furono scelte per andare, erano persone molto […]

806, 2017

Il costante bisogno di ricordarci della Luce del Creatore

Si parla spesso del nostro desiderio di devekut, cioè la completa unità con la Luce del Creatore; quali sono, però, i modi concreti per arrivarci? Al fine di cogliere questo concetto di unità della nostra anima con la Luce del Creatore e renderlo ancor più pratico, Rav Ashlag, scrive che ci sono due aspetti del […]

406, 2017

Il Test dell’Acqua Santa

Nella porzione Naso c’è la storia di Sotah, una donna accusata dal marito di adulterio. Dopo essere stata accusata, ella poi disse che non era vero, e ai tempi del Tabernacolo, veniva messa alla prova; non era tanto l’adulterio, ma il mentire dopo l’adulterio. Perciò questa non è solo una persona che è caduta. Questa […]

2505, 2017

METTERE DA PARTE TUTTA LA LOGICA

C’è una sezione interessante nella Midrash che ha a che fare sia con la porzione di Bamidbar che con la festività di Shavuot. Il Talmud dice che il primo giorno che gli Israeliti arrivarono sul Sinai, Mosè non disse loro nulla perché avevano ciò che si chiama “la stanchezza del viaggio”. Che cos’è questa stanchezza […]

1805, 2017

CONNETTERSI ALLE NUOVE MAPPE CHE OGNI GIORNO VENGONO CREATE PER NOI

Si dice nella Midrash che ogni giorno il Creatore rivela un nuovo modo, nuove conoscenze e nuovi percorsi. Ciò vuol dire che il Creatore rinnova la Creazione ogni giorno; lo schema spirituale, i percorsi spirituali, la saggezza spirituale e i concetti spirituali che esistono oggi sono nuovi di zecca. Ieri non esistevano. Perciò, se oggi […]

1105, 2017

LA SINGOLARITA’ DELLA CONNESSIONE

Vi è una bella sezione alla fine della porzione dello Zohar Emor, dove Rav Shimon bar Yochai dice, ” La gente non sa, non vede, non presta attenzione. Quando il Creatore creò l’uomo, e fece scendere tutta la Luce e le benedizioni su Adamo, il Creatore voleva una cosa. Voleva che l’uomo fosse completamente unito […]

405, 2017

CRESCERE attraverso la Bontà anziché ilDolore

La porzione Acharei Mot, “Dopo la morte”, inizia dopo che i due figli di Aronne, Nadab ed Avihu, lasciarono questo mondo. Letteralmente la storia dice  che morirono come punizione per Aronne. Quando parla di questa porzione la Midrash inizia con un verso dei Proverbi che dice che non va bene punire una persona giusta. Il […]

Load More Posts