Michael Berg Blog

908, 2018

Creare con le parole

Quando Mosè arriva sul confine della terra di Israele e dice al Creatore, “fammi andare a vedere questa terra”, egli usa la parola Na, che significa “per favore”. I Kabbalisti dicono che Mosè sapeva che ogniqualvolta avesse usato la parola Na due volte, la sua richiesta sarebbe stata concessa; per esempio, quando volle dare la […]

1207, 2018

Nessuna luce va sprecata/persa

Durante gli Shabbat che avvengono tra quelle che si chiamano Ben HaMetzarim, le “tre settimane negative”, leggiamo il profeta Geremia. Il compito di Geremia era di risvegliare gli Israeliti in modo da evitare che provocassero la distruzione; però, se conosciamo le diverse versioni dei profeti, sappiamo che non riuscì a farcela. Di conseguenza, se guardassimo […]

2806, 2018

Come ricevere la profezia

Nella sezione di Balak apprendiamo che se la profezia è disponibile per Bilaam, che è considerato un essere umano molto basso, allora deve essere disponibile per tutti. Pertanto, la Luce che è disponibile nello Shabbat di Balak è quella della profezia, di come possiamo tutti vivere le nostre vite connettendoci alla Luce del Creatore in […]

2106, 2018

Le forze della purezza

C’è un paradosso fondamentale di cui i commentatori parlano a proposito della porzione di Chukat ed è il processo che elimina il Tumat HaMet, l’impurità della morte, da qualcuno che è stato vicino o ha toccato un corpo morto. C’erano due ingredienti principali nel miscuglio che veniva usato per eliminare la forza della morte: le ceneri […]

1406, 2018

Non siate soddisfatti

Nella porzione di Korach, i Kabbalisti dicono che alla base di ciò che Korach stava dicendo c’era un messaggio molto potente, attraverso il quale, inizialmente, tutti i capi e quasi tutti gli israeliti ne furono risvegliati. Allora, qual era  questo messaggio? Cosa c’era di così vero e di così potente in ciò che Korach stava […]

306, 2018

Creare un cammino verso una saggezza più profonda

Nell’Haftorah della porzione Behaʼalotcha, la lettura dagli scritti di Zaccaria, il profeta ha una visione del sommo sacerdote, e dice che Satana – la forza globale che cerca di impedire ad ogni persona di connettersi alla Luce del Creatore – si trovava alla sua destra. La parte destra rappresenta la positività, il lavoro spirituale, e […]

2405, 2018

Consapevolezza al di la’ dei confini della natura

Il Shabbat e la lettura di Naso hanno molti aspetti importanti, ma vi è uno degli insegnamenti che mi entusiasma condividere, perché riguarda una sezione nella Torah che penso sia per la maggior parte di noi relativamente escoterica; è una sezione che non viene spesso compresa, nemmeno a livello più letterale, elementare.

Una parte della lettura […]

1705, 2018

Costruire un muro tra la negatività e le benedizione

Lo Shabbat di Bamidbar arriva sempre prima Shavuot, ed i Kabbalisti spiegano il perché. Ci dicono nella precedente porzione, Bechukotai, che c’è una lista di quelle che vengono chiamate le maledizioni, che rappresentano la negatività che può arrivare in questo mondo e nelle nostre vite. E con questa porzione di Bamidbar, ci stiamo per connettere […]

1305, 2018

Diminuire la mente Ridurre la ragione

La porzione Bechukotai inizia, Im bechukotai telechu, “E poi camminerete lungo la Mia strada”, ve’natati gishmeikhem beitam, “ allora meriterete tutte le benedizioni che la Luce del Creatore può darvi”. E la Midrash, in questa porzione, discute sul significato che ha qui la parola camminare. Racconta che re Davide diceva, “ogni mattina, mi svegliavo con […]

2604, 2018

Creare delle aperture per la luce affinché possa riversarsi dentro di noi

In punti diversi, in modi e tempi diversi, nel Talmud e nello Zohar, il Creatore dice, “DamMi un’apertura non più grande della cruna di un ago, ed Io ti aprirò le Porte del Cieli”. Per la maggior parte di noi questo insegnamento significa che dobbiamo fare un pochino, creare una piccola apertura, e la Luce […]

Load More Posts