Michael Berg Blog

2504, 2018

Amare gli altri come amiamo noi stessi

C’è un verso nella porzione Kedoshim che ha tre parole che conosciamo bene- Ve’ahavta Lere’acha Kamocha, “Ama il prossimo tuo come te stesso.” Rav Akiva, il maestro di Rav Shimon Bar Yochai, dice che arrivare a questo stato in cui amiamo gli altri come amiamo noi stessi è lo scopo di tutti gli insegnamenti spirituali […]

1204, 2018

Le parole a cui diamo risalto

La porzione Tazria discute lashon hara, 

la negatività che viene creata quando si parla in modo negativo. Abbiamo già parlato del danno che può fare il pronunciare parole di lashon hara can do. Però, vorrei condividere un altro concetto circa l’importanza delle parole che pronunciamo. 

Leggiamo nel Libro dei Proverb, Ish Lefi Mahalalo. Rabbenu Yonah, il grande […]

504, 2018

I nostri errori sono perfetti

Nella porzione Shmini, si dice che dopo la costruzione del Tabernacolo, Mosè compie il lavoro al suo interno per i primi sette giorni, poi, all’ottavo giorno, chiama Aronne e gli dice che era stato scelto lui per offrire i sacrifici. 

In una sezione bellissima dello Zohar si dice una cosa straordinaria. Durante il periodo del Vitello […]

2903, 2018

Tutta la negatività dovrà lasciarci andare

Lo Zohar parla di un concetto molto semplice che può elevare la nostra consapevolezza nel corso di Pesach in modo che potremo riuscire a ricevere i doni meravigliosi che sono a nostra disposizione in questo periodo. C’è una cosa che si chiama Shlosha Regalim,

che sono i tre periodi in cui ci sono le connessioni, o […]

2203, 2018

Come diventare spiritualmente elevati

La parte Tzav inizia con il versetto: “Il Creatore parlò a Mosè, dicendogli:” Comanda ad Aaronne e ai suoi figli, dicendo che questa è la legge dell’olocausto … “” Apparentemente questa intera sezione tratta solo di leggi molto tecniche riguardanti il processo di portare un sacrificio. Tuttavia, sappiamo che ogni sezione della Torah ha […]

1503, 2018

Ascoltando la nostra anima

Molte delle persone che furono  nel deserto i creatori e costruttori del Tabernacolo, il Mishkan, non avevano alcuna formazione o conoscenza nelle aree in cui lavoravano, come la lavorazione del legno o l’oro. Tuttavia, in qualche modo, quando iniziarono a lavorare, sapevano come fare. E c’è una sezione nello Zohar, nella parte Noach, […]

803, 2018

Avere la consapevolezza di sapere dove abbiamo la testa

Quest’anno, la porzione Vayakhel-Pekudei cade nello Shabbat Parah, che 

è uno Shabbat speciale in quanto segna l’inizio dei preparativi per Pesach. In questo Shabbat, c’è una lettura in più, che arriva dall’inizio della porzione di Chukat. Al tempo del Beit HaMikdash, le persone non potevano andare a Pesach, offrire il sacrificio per Pesach, o connettersi alla […]

403, 2018

Rompere le barriere che circondano le nostre benedizioni

L’inizio della porzione Ki Tisa parla della grande Luce che venne rivelata attraverso la costruzione del Mishkan, il Tabernacolo. Nella spiegazione del tipo di Luce che fu rivelata, i Kabbalisti citano un verso dal Libro dei Proverbi che dice che quando una persona dona- o risveglia o ha il desiderio di dare e di condividere […]

2502, 2018

Trovare una maggiore luce

C’è un insegnamento che penso sia molto bello, ma anche pratico, e si riferisce a Shabbat Tetzaveh; uno Shabbat che parla dell’illuminazione della nostra coscienza. Dice che ogni azione spirituale positiva che facciamo crea una candela. Un’anima, si dice, che trasforma e connette in questa vita, crea candele o una fiamma. E dopo che quell’anima […]

1502, 2018

CONNETTERSI ALL’ARCA

Lo Shabbat Terumah è quello in cui c’è una gigantesca rivelazione di Luce; però,  tutto gira intorno specificamente alla capacità individuale di una persona di connettersi personalmente alla Luce del Creatore. 

Nella porzione Terumah, nella storia della Torah, Mosè e gli Israeliti costruiscono la struttura fisica del Mishkan, il Tabernacolo. E lo Zohar ci parla del […]

Load More Posts