Karen Berg

Benvenuti nella Nuova Luna dei Pesci II.

Questo anno è particolare ed è noto come un “anno bisestile” e noi siamo benedetti con due mesi di Pesci: due mesi di gioia. Si dice che quando entra il mese dei Pesci, aumenti la gioia, e questo secondo mese di Pesci ci offre l’opportunità di connetterci a un’ulteriore finestra di 30 giorni di questa potente energia. I Pesci sono anche l’ultimo segno nel calendario astrologico. Come il  lieto fine di una storia, la fine dell’anno zodiacale ci offre un assaggio della finalità e del completamento del processo della nostra anima e di tutta la gioia che ne deriva. Il mese dei Pesci ci offre un assaggio di cosa si prova a raggiungere il traguardo. Si dice che quando questo mondo sarà completo, tutto ciò che sperimenteremo sarà gioia e piena felicità, poiché tutte le illusioni di dolore e tristezza saranno finite.

Questo secondo mese dei Pesci è anche noto come un mese gravido. Quest’anno ci viene conferito il doppio della positività e del calore che porta il segno dei Pesci. Per bilanciare la differenza di lunghezza dell’anno lunare e solare, viene aggiunto un mese in più dei Pesci ogni due o tre anni circa. Durante questi anni bisestili, riceviamo una doppia infusione di energia dei Pesci che ci aiuta a rimuovere ancora più negatività e consapevolezza negativa dalle nostre vite. È un vero dono del Creatore ogni volta che si verificano questi anni. Durante gli anni in cui ci sono due mesi di Pesci, è nel secondo mese che si celebrano le festività dell’anniversario della morte di Mosè e di Purim. Questo ci indica che è in questo secondo mese che l’energia dei Pesci è veramente al massimo.

Dove ci troviamo ora, in questo ultimo mese del nostro anno astrologico, il 13° mese, siamo in grado di dare uno sguardo alla nostra realtà più vera e al nostro potenziale. Si dice che il Pesci siano il più spirituale di tutti i segni zodiacali. Le persone nate in questo periodo vengono in questo mondo con maturità spirituale e saggezza e un cuore aperto e compassionevole. I Pesci sono in grado di sentire i bisogni degli altri e sperimentare la loro gioia e il loro dolore come se fosse la loro. Perché essi sanno che, al di sotto delle illusioni di questo mondo, in realtà siamo tutti una cosa sola. Infatti, sappiamo che i valori numerici delle parole ebraiche amare e uno sono entrambi 13. Siamo in grado, in questo particolare anno, di sperimentare la gioia che proviene dall’amore e dall’unità che il mese Pesci ci porta. Questa gioia di amore e unità con i nostri simili si manifesta nella festa di Purim, che si verifica vicino alla luna piena. Purim è considerata la festività più alta di tutto l’anno. Tanto che, quando il mondo nel suo insieme completa il suo viaggio, tutto ciò che sperimenteremo sarà la festa di Purim con tutta la sua gioia. Ogni giorno sarà Purim.

Purim è l’unico giorno dell’anno in cui abbiamo la capacità ottimale di guardare oltre le illusioni della vita. La spiritualità ci dice che non c’è nessuna fine e nessuna separazione. Ci dice che tutto è unificato, e nulla si regge da solo. Siamo ciechi e ingannati dall’illusione della morte. Spesso abbiamo paura di dare, perché sentiamo che poi ci mancherà. Spesso esitiamo ad amare, perché potremo essere abbandonati. Ma il sentiero spirituale insegna che queste sono tutte illusioni. In questo mese possiamo maggiormente immaginare la vera realtà che in qualsiasi altro momento dell’anno. La verità è che non salutiamo mai veramente i nostri cari. I nostri cari sono sempre con noi. Anche se potrebbero non essere visibili ai nostri occhi limitati, non significa che ci hanno lasciato. La verità è che quando diamo, riceviamo ancora di più. La verità è che quando amiamo un altro, senza programmi, quell’amore tornerà sempre a noi. Le ambiguità si allontanano dalla nostra consapevolezza durante il mese dei Pesci e specialmente durante la festa di Purim. Siamo in grado di percepire che non c’è morte e che non c’è separazione tra te e me. Noi siamo un tutt’uno. Siamo liberi di provare il grande amore reciproco e il grande amore del Creatore. Questa è la vera gioia. La gioia di sapere che non siamo mai soli e non lo saremo mai. I nostri cari sono con noi, i nostri amici sono con noi e il Creatore è sempre stato vicino a noi. Il mese dei Pesci ci rivela finalmente la verità di amore e unità che è sempre stata dietro le nubi e le illusioni di questo mondo.

Un’altra illusione può essere dissipata nel secondo mese di Pesci: i kabbalisti insegnano che Mosè non è mai morto. L’anniversario della morte di Mosè avviene durante questo mese per aiutarci a superare le illusioni di questo mondo. Il mondo reale che esiste proprio dietro il nostro è ricco di verità, vita, amore e unificazione. La realtà alla fine di tutto il dolore è la realtà del mese dei Pesci e della festa di Purim. Possiamo assaggiare questo nuovo mondo e, soprattutto, agire a partire da questa verità. L’energia offerta questo mese ci consente di rimuovere i dubbi e la confusione che creano le nostre illusioni. I Pesci ci elevano ad un livello superiore di consapevolezza in cui non viviamo più con paure e dubbi. Siamo senza paure con le persone con cui condividiamo e amiamo. Non abbiate paura di seguire il vostro cuore.  Non abbiate paura di condividere e dare, perché sappiamo che quando diamo a un altro, stiamo in realtà, solo dando a noi stessi.

Vi auguro tutta la gioia che questo mese può offrirvi.