Karen Berg

La vita è un pò come stare su una scala mobile che va verso il basso. Se smettiamo di arrampicarci e impegnarci nel nostro percorso spirituale, ci sentiremo come se, lentamente, ci stessimo muovendo verso il basso. Con la spiritualità, possiamo salire in questo mondo, anche se siamo su una scala mobile che scende. C’è un bellissimo equilibrio divino in ognuno di noi. Il nostro corpo vuole dormire, mangiare e sentirsi a proprio agio. La nostra anima, tuttavia, anela, ogni giorno, per essere in unione con il Creatore. Queste due forze, insieme, ci permettono di esistere in questo mondo. Questo è l’equilibrio nascosto dell’esperienza umana. È un sistema divino e meraviglioso ideato dal Creatore in modo che possiamo imparare le nostre lezioni spirituali. Se non fosse per i desideri del corpo, non saremmo in grado di sviluppare pienamente i nostri attributi divini di amore, cura e interesse per gli altri. È l’esistenza della notte che ci consente di capire e apprezzare il giorno. Questa forza del corpo, che Desidera Ricevere per il Solo Sé, è una forza inarrestabile. Come una scala mobile, impone per sempre la sua energia su di noi. Tuttavia, abbiamo la nostra anima, il dono del nostro Creatore. La nostra anima è, fin dalla nascita, il nostro legame costante con il Creatore. È la nostra Luce, lo spazio di tregua, la nostra forza per elevarci al di sopra delle forze egoistiche, apatia, ego – tutte quelle cose che i kabbalisti chiamano Desiderio di Ricevere per il Solo Sé. La nostra anima è la nostra verità interiore, e l’anima ha un solo desiderio: condividere. Siamo al nostro massimo e più autentico livello, quando siamo allineati con il desiderio della nostra anima. Questa settimana, ci viene conferito il prezioso dono di connetterci ulteriormente alla nostra divinità interiore, permettendoci di superare qualsiasi sfida o negatività che potrebbe essere presente nella nostra vita.

Korach è la porzione e nostra guida spirituale per la settimana. La porzione di Korach si presenta nel momento giusto dell’anno come aiuto per connetterci alla certezza, all’abbondanza e alla positività. La porzione inizia con le parole, “Korach ha preso …” Korach era un Israelita che si consumò per i suoi desideri. Pensava solo a ciò che voleva e al potere che voleva ottenere. Aveva perso la connessione con la sua anima e i suoi attributi divini. Leggiamo del viaggio di Korach così da poter ricevere un vaccino e una protezione dal cadere allo stesso modo. La porzione di Korach è un dono inestimabile del Creatore, una settimana prima che inizi la luna nuova del Cancro, assicurandoci la protezione da qualsiasi energia negativa simile. Korach, spinto dall’egoismo e dal suo desiderio, fomentò una ribellione e affrontò Mosè. Voleva essere un leader e ed essere coinvolto sulla scelta di Mosè da parte del Creatore. A questo punto, Korach si allontanò dall’amore e dalla connessione con la sua divinità interiore. Si era separato dai desideri della sua anima e si era radicato unicamente nella consapevolezza del corpo. Di conseguenza, dopo la ribellione, la terra si aprì e travolse Korach e i suoi seguaci.

La storia di Korach è uno strumento unico a nostro beneficio. Quanto siamo fortunati se siamo  in grado di ricevere questa energia vitale questa settimana? Quello che è successo a Korach non accade oggi, ma è una lezione potente su ciò che pottrebbe accaderci se perdessimo il contatto con il nostro scopo interiore e la nostra essenza divina. Uno non sarà inghiottito dalla terra come Korach, ma tuttavia siamo capaci di consumarci da soli semplicemnte con i nostri bisogni. Questo squilibrio può portare a depressione, tristezza e una moltitudine di sfide nella vita. Quando ci disconnettiamo dalla Luce del Creatore e dal nostro spirito interiore, la scala mobile scende verso la negatività. Korach ci insegna che se non lavoriamo nel nostro cammino spirituale e “ci muoviamo verso l’alto”, possiamo cadere rapidamente verso il basso. È interessante sapere e capire, tuttavia, che anche la negatività è dal Creatore. Grazie alla notte possiamo conoscere il giorno. Sono le sfide e gli ostacoli nella vita che ci svegliano e ci incoraggiano a essere più forti sul sentiero della spiritualità. Le sfide della vita ci spingono ad entrare in contatto con la nostra forza interiore, il nostro potere e ci aiutano a riconnetterci alla nostra Luce interiore. Stiamo tutti cercando di essere felici in questo mondo. Tutti desideriamo benedizioni, prosperità, amore e gioia. Tuttavia, il modo per connetterci a queste benedizioni è  paradossale. Se ci comportiamo come Korach, perseguendo solo ciò che vogliamo, perdendo il contatto con la condivisione della natura divina dentro di noi, creiamo uno squilibrio e attingiamo alla negatività. Una persona che non nutre la sua Luce interiore rimane, spesso, nell’oscurità. Tuttavia, se continuiamo a salire la scala mobile della vita e facciamo lo sforzo di pensare agli altri, mostrando loro amore e cura, ci eleviamo al di sopra di tutte le forze e le sfide negative. Questo alla fine ci consente di essere in unione col Creatore dove esistono tutte le benedizioni.

Questa settimana, nelle tue meditazioni, cerca l’equilibrio. Visualizzati in riva al mare, mentre  cammini lentamente lungo la riva. Senti la sabbia tiepida sotto i tuoi piedi, mentre la fresca acqua dell’oceano bagna le tue gambe. L’aria è fresca, odora di salsedine. Senti la sabbia calda che scivola tra le dita e l’acqua fresca che lambisce la spiaggia. La sabbia è la terra ed è la forza che riceve, mentre l’acqua è la forza che condivide, è l’energia della misericordia e dell’amore. Qui, sulla spiaggia, si unificano e si armonizzano. È raggiunto l’equilibrio. La marea va e viene ogni giorno in accordo con i ritmi della luna. La spiaggia ci insegna che, sì, siamo esseri che vogliamo ricevere e avremo sempre questa essenza. Ma possediamo anche la divinità interiore e abbiamo il desiderio di condividere, amare e dare positività agli altri. L’oceano ci ricorda questo. Ci ricorda la nostra anima e l’importanza di coltivare quotidianamente questa energia. Ricordiamo La forza dell’amore e degli atti di gentilezza. Ricordiamo il valore dell’essere una forza positiva in questo mondo, così da rafforzare la Luce interiore e raggiungere il nostro equilibrio. Ricordiamo che il potere della nostra anima ci permette di elevarci al di sopra di ogni negatività in questo mondo, e alla fine ci porta ogni benedizione che potremmo mai desiderare.