Karen Berg

Il Creatore ci offre il dono inestimabile di poter semplicemente ricominciare. È così eccezionale
l’amore e la misericordia che ci viene ripetutamente data la possibilità di ripulirci e ricominciare. Con la Nuova Luna dell’Ariete e il nuovo anno astrologico che inizia alla fine della settimana, il cosmo, in questa settimana, è vivo più che in qualsiasi altro momento dell’anno. La nuova luna dell’Ariete ci offre questa possibilità di un nuovo, inizio, con una lavagna pulita e fresca. Il nostro passato è dimenticato, e ricominciamo ancora, più forti e rivitalizzati. Cominciamo ad affrontare di nuovo un altro anno. Arriviamo senza adulterazioni e puri. I nostri cuori sono aperti. Siamo pronti ad amare e pronti ad esplorare questo mondo, ancora una volta.

Con l’inizio di un nuovo ciclo astrologico, andiamo avanti con ritrovata energia e passione. La vita può essere qualunque cosa noi vogliamo che sia. Questa settimana, rinasciamo, e siamo rinnovati e rigenerati per affrontare il mondo pronti a ricominciare.

La nostra porzione della settimana è più che una porzione. È un antidoto, una medicina spirituale, una guida e una bussola. Questa settimana c’è la porzione di Tazria. Insieme a Tazria, leggiamo la porzione dello Shabbat HaChodesh. Shabbat HaChodesh è lo Shabbat che precede
o coincide con la Luna Nuova dell’Ariete. Prepara e stimola la nostra rinascita. A Tazria, i sacerdoti continuano il loro devoto servizio verso gli Israeliti. Nelle settimane precedenti si trattava di sacrifici di purificazione. Questo settimana, Tazria si presenta quasi come un manuale medico in cui il Creatore spiega a Mosè e Aaron come trattare le varie piaghe che si trovano sul corpo. Tazria spiega i segreti della guarigione, purificazione e della rigenerazione agli Israeliti e, a noi, oggi. Pelle, viso, testa, e il corpo, i sacerdoti vengono addestrati dal Creatore per diagnosticare, trattare, porre rimedio e curare i disturbi fisici. Questa è la porzione della guarigione fisica e del rinnovamento. La scienza ci dice che ogni sette anni il nostro corpo si rinnova e quasi nulla rimane dei nostri corpi originali. Con l’inizio della Luna Nuova dell’Ariete e dell’anno astrologico, con la porzione di Tazria e Shabbat HaChodesh, il nostro DNA spirituale è rinnovato e ripulito da ogni impurità. Siamo nuovi, ancora una volta. Una rinascita libera da errori, malattie spirituali e pigrizia. Ci viene dato il dono della vita e della vitalità per il prossimo anno a venire.

Tuttavia, questa non è la prima volta che ci viene data la possibilità di ricominciare. Insegnano i kabbalisti che in un ciclo di un anno ci vengono forniti tutti gli strumenti e le opportunità di cui abbiamo bisogno per completare il ciclo e la missione della nostra anima. Eppure, molti di noi, sono andati avanti per tanti anni 60, 70, 80, 90. Siamo cambiati? Inoltre, questa non è nemmeno la nostra prima apparizione sulla terra. Quindi, dopo così tante possibilità di ricominciare, perché abbiamo ancora bisogno di questo aiuto? La cura offerta dal Creatore in Tazria era destinata agli indigenti perchè intraprendessero una ricerca spirituale e avviassero l’autorealizzazione e l’auto-diagnosi medica. L’Israelita malato veniva messo in isolamento in modo che lui o lei potessero esaminare le azioni che avevano portato al disturbo. L’auto-riflessione è l’occasione per vedere gli errori del passato e ricominciare un percorso spirituale. Questo crea la guarigione necessaria. Questo è tutto ciò che ci chiede il Creatore. Che intraprendiamo un viaggio spirituale e iniziamo il percorso verso la nostra autorealizzazione. Dobbiamo solo essere aperti a vedere dove siamo andati fuori rotta e avere il desiderio di riprendere il cammino. In questo modo, ogni volta che cadiamo, cadiamo un pò meno. Non solo ogni anno siamo rinnovati, ma iniziamo con una consapevolezza un pò più elevata rispetto all’anno precedente. Possiamo usare il nuovo anno come trampolino di lancio per essere una versione ancora migliore di noi stessi rispetto all’anno precedente. Il Creatore ci rinnoverà sempre e sempre ci darà un’altra possibilità, questo è il dono del Suo amore. Ma la domanda è: La useremo a nostro vantaggio? Quest’anno, decideremo di iniziare un nuovo anno con spirito più evoluto avendo come obiettivo l’amore e la spiritualità? Ci allontaneremo dalle azioni del nostro anno precedente, allontanando l’egoismo e l’apatia, e andare verso l’amore reciproco? Terremo i nostri cuori aperti? Siamo di fronte ad un nuovo anno ed è nelle nostre mani il valore del futuro. Il potere e le opportunità si trovano in noi.

Questa settimana nelle tue meditazioni, costruisci il tuo desiderio per tutto ciò che desideri vedere manifestare nel prossimo anno. Ora è il momento di iniziare la pianificazione a livello radicale. Fai un elenco di ciò che desideri manifestare e vivere. Poi, in un elenco separato, individua le azioni che sei disposto a mettere in atto per manifestare le cose della lista precedente. Non possiamo aspettarci un anno diverso, se noi stessi non siamo disposti a essere diversi. Le benedizioni della vita stanno aspettandoti. Quando decidiamo di intraprendere il sentiero spirituale, attivare il nostro spirito e iniziare finalmente a risvegliare il Creatore che è al suo interno, allora saremo in grado di manifestarli. Ci è stato dato ancora una volta il regalo di divenire nuovi per riprenderci, ripulirci e ricominciare tutto da capo. Facciamo il massimo!