storia_kabbalah

 

 
LA STORIA

Tutti gli insegnamenti del Kabbalah Centre si fondano sugli antichi testi della Kabbalah, tra cui lo Zohar e gli scritti del grande cabalista del XVI secolo Rav Isaac Luria (l’Ari).

Per 4000 anni i maestri hanno tramandato ai discepoli il significato più profondo di questi testi fondamentali. Nel 1922, Rav Yehuda Ashlag, fondatore del Kabbalah Centre, ha completato la prima traduzione dello Zohar dall’ antica lingua dell’aramaico all’ebraico moderno. Ciò ha segnato un momento fondamentale nella storia della Kabbalah, poiché ha consentito anche ai laici di avvicinarsi ai suoi insegnamenti. Dopo la scomparsa di Rav Ashlag, Rav Brandwein, suo discepolo, ha continuato l’opera di divulgazione della saggezza della Kabbalah. Rav Berg ha studiato insieme a Rav Brandwein per anni e i due erano molto legati. Dopo la scomparsa di Rav Brandwein, la direzione del Kabbalah Centre è stata affidata a Rav Berg. In virtù di questo passaggio di consegne, il Kabbalah Centre ha il privilegio di possedere il carteggio originale tra Rav Brandwein e Rav Berg, che mostra il loro profondo legame.

Il Centro è orgoglioso di poter divulgare questa antica saggezza in una lingua moderna, in modo che tutti possano usufruire dei suoi insegnamenti per migliorare la propria vita. A questo scopo, il Kabbalah Centre offre innumerevoli libri e guide alla meditazione. Tra questi, forse i più importanti sono i 23 volumi dello Zohar, tradotti integralmente in inglese da Michael Berg. Nel corso dei secoli, sono state pubblicate traduzioni parziali dell’opera ma mai una traduzione letterale completa. Lo Zohar è scritto in aramaico, la lingua da cui deriva l’ebraico.

 

CRONOLOGIA STORICA

Il Patriara Abramo – 4000 Anni fa
Rav Shimon Bar Yochai – 70 C.E.
“L’Ari” Rav Isaac Luria – 16° Secolo
Rav Abraham Azulai – 17° Secolo
Rav Yehuda Ashlag – Inizio 20° Secolo
Rav Yehuda Brandwein – Metà 20° Secolo
Rav Berg
Karen Berg
Yehuda Berg
Michael Berg

Abraham the PatriarchIL PATRIARCA ABRAMO – 4000 ANNI FA 
Abramo.
Patriarca del Giudaismo.
Seme della Cristianità.
Padre dell’Islam.

Abramo fu il primo uomo a capire che esiste un sol o Dio, che l’intero universo è interconnesso come un infinito buco su di un più profondo livello di realtà.

Il grande patriarca è stato il primo uomo fin dagli albori della civiltà umana a trascrivere un libro vero e proprio sulla Kabbalah. Si chiama il Libro della Formazione, e detiene i misteri esaltati ed i segreti sublimi del nostro universo. Sorprendentemente, l’intera compilazione è lunga solo poche pagine, poche centinaia di parole.

DOMANDA: Come possono tutti i misteri del nostro universo essere compressi in un testo così piccolo. 
RISPOSTA: Il libro è una formula codificata.

Si consideri l’equazione di Einstein: E=mc². Pagine di equazioni matematiche sono nascoste all’interno di questa semplice formula. I segreti di tempo, spazio e movimento sono ridotti a cinque caratteri semplici.

Qui sta il segreto dietro il Libro della Formazione: il lavoro di Abramo contiene tutte le equazioni spirituali che riguardano il nostro mondo temporale, dello spazio e del movimento. Il Libro della Formazione nasconde tutti i segreti dell’esistenza – dalle origini della vita alle origini del caos che affliggono l’umanità.

Così come un bambino – e la maggior parte degli adulti, del resto – ha difficoltà a capire la formula di Einstein, il popolo della generazione di Abramo non è riuscito a percepire l’infinita saggezza contenuta all’interno del suo antico manoscritto. Ci sono voluti un paio di migliaia di anni prima che l’umanità svelasse i segreti dell’energia elettrica. Ci vorranno gli stessi anni a noi per svelare i segreti dell’energia spirituale bloccata all’interno del Libro della Formazione di Abramo.

Torna su

Rav Shimon Bar YochaiRAV SHIMON BAR YOCHAI – 70 C.E. 
A causa di un decreto da parte dell’Impero Romano, Rav Shimon Bar Yochai cercò rifugio in una grotta a Pek’in, Israele, per tredici anni. Nel corso di questi lunghi anni di isolamento doloroso, egli fu istruito nelle arti della Kabbalah. I suoi insegnanti erano Mosè ed Elia, il profeta.

Quando guida dell’Impero Romano cambiò, Rav Shimon e suo figlio furono liberi di tornare a Gerusalemme. Gli anni di intense pressioni della terra avevano segnato e straziato il mistico corpo. Ma la Luce spirituale che irradiava dalla sua anima rendeva difficile agli uomini comuni di stare in sua presenza.

Per proteggere i segreti dell’universo che gli erano stati rivelati, Rabbi Shimon dette incarico a uno studente – Rav Abba – di legare i suoi insegnamenti alla parola scritta. Rabbi Abba aveva un dono straordinario per la scrittura nel linguaggio astratto della metafora e parabola. Così, i segreti sarebbero stati al sicuro, abilmente nascosti all’interno di storie astruse, rendendo difficile a malvagi e indegni di cogliere e sfruttare il potere antico. Nacque lo Zohar, l’opera spirituale finale della Kabbalah.

Fino ad oggi, lo Zohar o Libro dello Splendore è riconosciuto come l’opera definitiva e autorevole sulla saggezza cabalistica. Era considerato un lavoro di misticismo e magia dal popolo di quella generazione. Col senno di poi, il motivo è ovvio.

Lo Zohar ha  esposto idee e concetti che erano secoli in anticipo sui tempi. In un’epoca in cui la scienza aveva determinato che la terra era piatta, lo Zohar raffigurava il nostro pianeta come sferico, con le persone che vivevano il giorno e la notte nello stesso momento, in fusi orari differenti.

Lo Zohar descrive il momento della creazione come una esplosione simile al Big Bang. Si parla di un universo che esiste in dieci dimensioni. Si esplora il concetto di universi paralleli. Queste speculazioni sono state considerate eretiche e spaventose. Eppure, non erano le più fantastiche ad apparire nello Zohar. Tale designazione appartiene alla prossima idea …

Rav Shimon ha detto che lo Zohar è più di un libro di segreti e saggezza spirituale.

Questo trattato mistico è un potente strumento energetico, uno strumento salva-vita impregnato con il potere di portare la pace vera, la protezione, la guarigione, e l’appagamento a coloro che lo possiedono.
 

C’è di più.
Come il monolite nel film “2001: Odissea nello Spazio”, lo Zohar può innescare l’anima di una generazione, accendendo un profondo cambiamento e la trasformazione nella coscienza dell’uomo e della società.

In altre parole, proprio come una lampadina illumina una stanza buia, la luce spirituale dello Zohar può illuminare le menti degli uomini ai misteri nascosti del cosmo. Secondo il cabalista, queste influenze invisibili aiuteranno a plasmare il destino del genere umano, man mano che la presenza dello Zohar si allarga nel mondo.

Rabbi Shimon dichiarò che sarebbe venuto il giorno in cui anche un bambino di sei anni, avrebbe approfondito la saggezza spirituale della Kabbalah. Ma fino a quel momento, i manoscritti originali dello Zohar sarebbero dovuti rimanere nascosti. Sono stati poi nascosti per secoli.

L’oscuramento della Luce spirituale dello Zohar ha coinciso con il Medioevo, un periodo in cui ogni aspetto della civiltà , tra cui l’istruzione, la scienza, e la comunicazione – era in grave regressione.

Nel 1270 la C.E. lo Zohar riapparve, scoperto da Rabbi Mosè Deleon in Spagna. Come la Luce dello Zohar irradiò il mondo per la prima volta nella storia, il suo testo mistico scatenò l’inconscio collettivo di una generazione. Il potere dello Zohar spinse il mondo fuori dal Medioevo.

Torna su

Rav Isaac LuriaL’ARI” RAV ISAAC LURIA – 16° SECOLO
Il 16 Secolo ha portato alla luce il Cabbalista più influente della storia: Rav Isaac Luria. Un brillante studioso all’età di 13 anni, è stato chiamato “L’Ari”, che significa “Il Leone Santo”. L’Ari aveva il dono di esplorare le profondità più inaccessibili dello Zohar. Ha vissuto da eremita per 13 anni, sondando i suoi misteri. Non era insolito per il Ari meditare su un versetto dello Zohar per molti mesi, fino a che il significato nascosto gli era rivelato.

L’Ari ha scoperto segreti straordinari all’interno delle parole poetiche dello Zohar. Ha descritto un sistema di evoluzione che andava ben al di là di ciò che Darwin avrebbe spiegato secoli dopo. L’Ari ha scritto:

Verrà un tempo in cui gli uomini di scienza, nella loro ricerca per l’anello mancante tra uomo e animale, proveranno a considerare la scimmia come quella forma vivente da cui l’uomo si è evoluto.
             —Tree of Life,
 Gate 42, Ch. 1

L’Ari spiega, tuttavia, che la scimmia è una “immagine fraudolenta” dell’uomo. Come l’uomo, la scimmia possiede cinque dita su ogni mano. Ma a differenza dell’uomo, non può fare uso del suo pollice per utilizzarlo. Il pollice corrisponde alla più alta dimensione in una realtà a dieci dimensioni, un livello noto come Keter. Il pollice è la chiave per l’intelligenza umana, secondo l’Ari.

In realtà, Keter è la fonte di tutta l’intelligenza che permea il nostro mondo fisico. Anche se possiamo ammirare l’intelligenza della scimmia, il suo DNA fisico (e metafisico)  è preimpostato, una scimmia non può muoversi dalla sua categoria animale. Questa limitazione di intelligenza è significata dalla sua incapacità di far funzionare il pollice.

Sorprendentemente, gli scienziati ora ci dicono che il vantaggio evolutivo dell’uomo è radicato nel “pollice opponibile”. Il pollice ci ha permesso di creare strumenti e, quindi, è stato fondamentale per l’evoluzione dell’intelligenza umana.

La più grande eredità dell’Ari era la sua composizione cabbalistica Scritti dell’Ari, compilato dal suo allievo più caro, Rav Chaim Vital. Questo profondo lavoro ha dato vita a quello che è conosciuto come Kabbalah Luriana.

La Kabbalah Luriana è diventata definitiva la scuola di pensiero cabbalistica, e ha avuto un impatto drammatico sul mondo. Eminenti studiosi contemporanei stanno scoprendo solo ora la profonda influenza che questo grande Cabbalista del Rinascimento ha avuto su luminari intellettuali come Sir Isaac Newton.

Il Prof. P. Allison Coudert sostiene nel suo libro L’impatto della Kabbalah nel XVII secolo: “La Kabbalah Luriana merita un posto che non ha mai ricevuto nella storia dello progresso scientifico e culturale.”

Il grande matematico e filosofo Leibniz, che ha inventato il calcolo e, a sua volta, quelle noiose lezioni di matematica che abbiamo sopportato al liceo e al college, è stato profondamente influenzato dalla Kabbalah. Isaac Newton, considerato da molti come il più grande scienziato di sempre, ha studiato segretamente la Kabbalah, in cui ha trovato idee che hanno una notevole somiglianza ad alcune delle sue più grandi scoperte scientifiche.

Tutta la conoscenza e il materiale pubblicato su questo sito è radicato nella Kabbalah Luriana. Alla giovane età di 38 anni, Rabbi Isaac Luria ha lasciato questo mondo dopo aver avuto un impatto mozzafiato sulla Kabbalah. Questo rimane senza precedenti fino ad oggi.

Ha lasciato un sistema spirituale che, quando completamente liberata e decifrato, permetterà all’umanità di prendere il controllo del suo destino individuale e collettivo, una tabella di marcia e una guida per il corpo e l’anima, che permetterà di alleggerire le persone del loro caos, la paura, il dolore e la sofferenza.

Si dice che l’Ari è venuto a questo mondo per uno scopo: istruire il suo discepolo, Rav Chaim Vital, nel sistema della Kabbalah Luriana.

Torna su

Rav Abraham AzulaiRAV ABRAHAM AZULAI – 17° SECOLO
Il famoso Kabbalista Rav Abraham Azulai scrisse un trattato cabbalistico intitolato La Misericordia di Abramo. Due passaggi particolari spiccano:

Rav Azulai ha scritto che una significativa trasformazione spirituale comincerà a prendere piedecon l’ inizio dell’anno 2000. Sarà un’epoca in cui la Kabbalah si diffonderà ai quattro angoli del globo. Un periodo in cui tempo e spazio si ridurranno. Un tempo in cui i segreti dell’immortalità cominceranno a rivelarsi agli occhi del mondo. Il secondo passaggio rivela un decreto storico rilasciato dai saggi dell’antichità:

 

Dall’anno 1540 in poi, i livelli di base della Kabbalah devono essere insegnati pubblicamente a tutti, giovani e meno giovani. Solo attraverso la Kabbalah elimineremo per sempre la guerra, la distruzione, e l’inumanità dell’uomo verso i suoi simili.
-La Misericordia di Abramo
 

E così, dal 1540 in poi, il divieto di apprendimento della Kabbalah era finito. Ma c’era un problema …

Il mondo era a un bivio. Le linee tra scienza, filosofia e misticismo erano confuse. Menti brillanti, entrambi sagge e malvagie, si dilettavano liberamente tra queste tre discipline. A differenza della visione di scienziati contemporanei, una connessione tra scienza e misticismo non era vista di buon occhio, ma intesa per quello che realmente era: due metà di un intero! Il misticismo era correlato all’aspetto immateriale di una canzone, la melodia. La scienza corrisponde alla matematica e alla tangibilità del foglio di musica. Entrambi sono corretti. Entrambi sono complementari. Ma è la melodia che agita l’anima e la fa impennare. Non si possono vivere le emozioni crescenti suscitate da una sinfonia, semplicemente studiando note musicali incise su carta. In questo sta il nocciolo del problema, come vedremo dopo.

Nel corso della storia, ci sono stati uomini ben addentrati nelle filosofie, nelle scienze e nelle tradizioni mistiche. Alcuni di questi uomini hanno minato la Kabbalah per il proprio guadagno e onore, anteponendo il proprio ego, ritardando così l’arrivo di un mondo che racchiude in sé la pace e soddisfazione per tutta l’umanità.

Da questo punto di vista, questi erano ancora tempi pericolosi. Pregiudizio e propensione per saggezza spirituale -cosi  come è oggi – era praticamente inesistente durante il Rinascimento, anche tra i maggior parte degli uomini di mente materiale. Pertanto, è stato necessario che gli scritti di Ari rimanessero codificati e oscurati.

Tuttavia, l’azione storica di Abramo Azulai piantò ufficialmente il seme per la divulgazione della Kabbalah al popolo. Il seme avrebbe solo dovuto aspettare un po ‘più a lungo prima di poter germinare.

Torna su

Rav Yehuda AshlagRAV YEHUDA ASHLAG – INIZIO 20° SECOLO
Rav Ashlag fu il più profondo Kabbalista della nostra generazione. L’unico uomo, forse, che ha veramente capito, e ha contribuito in anticipo, le trasformazioni del 20° secolo.

Rav Ashlag ha rotto una tradizione vecchia di 4.000 anni che aveva bloccato il grande potere della Kabbalah all’interno degli scritti mistificatori di Ari. Era giunto il momento di agire. Le antiche blindature della Kabbalah dovevano essere aperte dalle mani di questo celebre saggio.

Rav Ashlag spiegò che lo Zohar prevedeva la fisicità del mondo materiale di oggi e il suo dominio sulla realtà spirituale. In questi tempi, uomini motivati ​​da interessi personali, l’intellettualismo e l’ego evitano la saggezza spirituale come la peste. Solo coloro che cercano la verità con cuore puro sono in grado di trovare questa saggezza. Queste opinioni sono espresse nel suo trattato kabbalistico “Entrance to the Tree of Life”.

Inoltre, Rav Ashlag ha affermato che coloro che cercano la verità della Kabbalah devono sottoporsi a sette prove per garantire che essi sono degni di acquisire questa conoscenza. Pertanto, il tempo è arrivato per rimuovere i veli:

In una tale generazione come la nostra non vi è nulla da temere nel divulgare la vera saggezza apertamente.
             
– Entrance to the Tree of Life, Rav Yehuda Ashlag

L’anno era il 1922. Il Rav Ashlag ha istituito il primo Kabbalah Centre nella città di Gerusalemme. L’apprendimento era messo a disposizione di coloro che erano intrisi di studi religiosi, ed erano di età superiore ai 40.

Molti Rabbini leader della generazione hanno applaudito questa apertura storica. Altri si sono opposti con veemenza, alimentando polemiche che hanno circondato la diffusione di questa saggezza spirituale.

Rav Ashlag è stato picchiato fuori della sua Sinagoga. E ‘stato lasciato steso nel sangue, sui gradini del suo tempio, solo per aver offerto saggezza ai suoi simili.

Rav Ashlag ha approfondito la Kabbalah Luriana con devoto fervore. Ha svelato alcuni dei più grandi segreti che l’umanità abbia mai conosciuto. Ma la stragrande maggioranza del mondo ha prestato poca attenzione alla sua azione storica, né poteva percepire la sua influenza.

Gli scritti di Rav Ashlag affrontano argomenti che riguardano la rimozione definitiva del caos, il caos che ha devastato l’umanità da tempo immemorabile. Concetti come la relatività, viaggi nello spazio, la guarigione, e altre questioni che riguardano il benessere del genere umano sono stati nascosti nel Zohar circa 2000 anni fa.

Il genio di di Rav Ashlag stava nella sua capacità di estrapolare questi segreti dagli scritti dell’Ari vecchi di 500 anni. Come i misteri sono stati svelati, sono stati iniettati nell’inconscio collettivo del popolo, compresi i suoi omologhi che lavorano duramente nel mondo della fisica. Ancora una volta, l’effetto “monolito” era al lavoro. A livello spirituale invisibile, il suo lavoro ha  innescato l’esplosione tecnologica del 20 ° secolo.

Rav Ashlag è stato benedetto con immensi poteri di meditazione e di visione. Rav Ashlag ha scritto:

La redenzione dipende dall’apprendimento della Kabbalah. Se la gente trascura lo studio della spiritualità, allora la povertà, la guerra, la desolazione, l’omicidio e la distruzione arriverà nel mondo.

Rav Ashlag ha lasciato il nostro mondo fisico nel 1955 nel giorno della festa di Yom Kippur.

Il più grande lascito di Rav Ashlag è forse la prima traduzione Ebraica in assoluto dello Zohar dal suo originale Aramaico. Questo libro monumentale comprende un profondo e lucido commentario che rivela i segreti a lungo nascosti dello Zohar e la loro rilevanza per la nostra vita. L’altra sua notevole eredità è il suo amato allievo, Kabbalista Rav Yehuda Brandwein che successe a Rav Ashlag come il leader spirituale del Kabbalah Centre.

Torna su

Sav Yehuda BrandweinRAV YEHUDA BRANDWEIN – META’ 20° SECOLO
Prima della sua morte, Rav Ashlag ha detto a Rav Brandwein che presto avrebbe meritato i suoi allievi, e che uno di loro avrebbe contribuito a portare questa saggezza al mondo, tra grandi proteste e disprezzo.

Un’anima dolce e devota, Rav Brandwein era un uomo del popolo. Ha evocato un profondo amore a tutti quelli con cui è venuto in contatto. Entrambi gli atei e gli uomini pii avevano grande rispetto per lui. Aveva una non comune capacità di cavalcare due mondi – arrampicandosi su impalcature nei cantieri edili per gettare mattoni alla luce del giorno, poi scalare il più alto dei mondi spirituale al chiaro di luna.

Come tutti i grandi Kabbalisti, l’essenza e il carattere di Rav Brandwein era spirituale, piuttosto che religioso o politico. Quando un certo arabo povero venne in cantiere per un posto di lavoro nei primi anni del 1930, il Kabbalista vide l’anima dell’uomo, la scintilla comune della divinità che esiste in ognuno di noi. L’amore di Rav Brandwein trascendeva le divisioni religiose e razziali che sono state così diffuse in questi tempi turbolenti. Al’arabo venne dato il lavoro, e un nome per nascondere la sua identità. .

La stirpe di Rav Brandwein è notevole. Egli era un discendente della famiglia del pregiato Rav Dov Baer, un grande leader spirituale in Russia durante la fine del 18 ° secolo. Rav Dov Baer è stato il successore del Baal Shem Tov, il fondatore del movimento Chassidico, e uno dei più grandi saggi degli ultimi 500 anni. 

Dopo il bagno di sangue della guerra del 1967 in Israele, Rav Brandwein divenne il primo cittadino del paese a stabilirsi a Gerusalemme. Molti anni dopo, quando Gerusalemme divenne una città, un arabo ha fatto visita alla casa di Brandwein. Ha portato con sé una botte traboccante di pompelmi freschi. E ‘stato lo stesso arabo a cui Brandwein dette lavoro a circa 35 anni prima.

Gli occhi dell’uomo erano pieni di lacrime. Disse a Rav Brandwein che aveva aspettato per tutti questi anni, fino a dopo la guerra, in modo che potesse finalmente offrire i suoi più sentiti ringraziamenti per la gentilezza che gli era stata mostrata. Gli atti di gentilezza e tolleranza di Rav Brandwein per tutti quelli che incontrava irradiava questa Luce spirituale. E ciò riscaldava l’anima di chiunque era in sua presenza. 

Torna su

INSEGNANTI DI OGGI

Rav BergRAV BERG 
Direttore Spirituale del Kabbalah Centre

Rav Berg è nato a New York da una famiglia di studenti e maestri spirituali. Dopo molti anni di studio religioso tradizionale, fu ordinato rabbino al Torah VaDaat.

Uomo d’affari che voleva fare la differenza in questo mondo, egli era sempre alla ricerca della sua vera strada. Dopo un incontro casuale con Rav Yehuda Brandwein, uno dei più grandi Kabbalisti del 20 ° secolo, Rav Berg sapeva di aver trovato il suo maestro, e scambiò la sua vita di affari per l’opportunità di studiare con Rav Brandwein al The Kabbalah Centre in Israele. Dopo il suo ritorno a New York, Rav Berg mantenne una corrispondenza scritta con Rav Brandwein che lasciò questa eredità di direttore del Kabbalah Centre al Rav Berg in una lettera prima di morire. 

Dopo aver ricevuto la responsabilità dal suo maestro, Rav Berg ha fatto come missione della sua vita il preservare, svelare e rendere rilevanti i testi storici della Kabbalah. Ha continuato l’eredità di The Kabbalah Centre editand, scrivendo, stampando e distribuendo tutto ciò che ha imparato dal suo maestro in modo che potesse essere condiviso con gli altri. 

Rav Berg ha democratizzato lo studio della Kabbalah con la creazione di un programma a gradini fondamentale per insegnare tutti i suoi concetti di base e aiutare gli studenti a formulare una maggiore consapevolezza cognitiva del sistema spirituale dell’universo. Il suo libro, Kabbalah for the Layman, è stato il passo rivoluzionario che ha reso la Kabbalah accessibile ad ogni persona. Altri libri di Rav Berg includono  The Kabbalah ConnectionEnergy of the Hebrew LettersImmortalityThe Power of YouWheels of a SoulTaming Chaos, and Education of a Kabbalist. Lui e sua moglie, Karen Berg, hanno aperto le porte del Kabbalah Centre per tutti coloro che desiderano imparare questi principi universali. Vivono a Los Angeles, California, e insieme con i loro figli, Yehuda e Michael, continuano a guidare il Kabbalah Centre International. 

Torna su

Karen BergKAREN BERG
Direttore Spirituale del Kabbalah Centre
Incontrando Rav Berg oltre 40 anni fa, Karen ha incontrato il suo compagno spirituale e il suo destino. Insieme hanno l’obiettivo di rendere la  Kabbalah comprensibile e rilevante per tutte le persone nel mondo che desiderano una comprensione della dimensione spirituale. La loro missione è di fornire alle persone principi cabalistici che possono applicare per migliorare la propria vita, e così facendo elevare il mondo. Sotto la loro gestione il Kabbalah Centre si è sviluppato da una singola posizione a una delle più importanti fonti di saggezza spirituale del mondo, con più di 40 sedi intorno al globo.

Uno degli obiettivi di Karen è di ispirare il dialogo spirituale, come un ponte per creare la pace tra i diversi gruppi. Ha fatto questo insegnando dei principi kabbalistici che aumentano la consapevolezza della somiglianze delle persone e celebrare le nostre differenze. Kids Creating Peace è una delle iniziative del Kabbalah Centre. Karen viaggia molto per comunicare il suo messaggio di spiritualità universale e di pace. Ha parlato al Mastering the Ultimate Challenges a Londra e in Polonia con Donna Karan e alla conferenza Power of Peace a Londra con il Dott. Jehan Sadat. Ha anche guidato più di 1200 persone di tutte le fedi in una marcia di pace con il governatore di Nablus in piazza che una volta ha scatenato atti di odio e di guerra.

I libri di Karen includono To Be Continued: Reincarnation & the Purpose of Our Lives cos’ come l bestselling God Wears Lipstick e Simple Light. Vive a Los Angeles, California.

Torna su

Yehuda BergYEHUDA BERG
Co-Direttore

Yehuda Berg, figlio di Rav e Karen Berg, è parte di una lunga stirpe di maestri Kabbalisti. Come co-direttore del Kabbalah Centre, Yehuda sovrintende Kabbalah Publishing; gestisce la produzione di strumenti Kabbalisti come pergamene e libri di preghiere; ricerche e fonti di siti storici energetici; e gestisce i dettagli dei tour internazionali di questi luoghi spirituali.

Yehuda, un autore di successo nel campo della spiritualità, ha scritto più di 30 libri su argomenti che vanno dal self-empowerment e depressione, alle relazioni e la Bibbia. Due dei suoi libri bestseller, The Power of Kabbalah e The 72 Names of God, sono stati tradotti rispettivamente in 20 e 14 lingue, ed ha creato anche un pacchetto audio per la trasformazione in 23 giorn, The Living Kabbalah System. Nel 2009 il GQ Magazine Gentleman’s Fund lo ha onorato per essere un Agente di Cambiamento nel campo dell’educazione. Yehuda tiene conferenze a livello internazionale, fornendo concetti cabalistici profondi e complessi in un modo semplificato, che è applicabile alla vita quotidiana. I suoi messaggi email e posts su Facebook quotidiani, noti come “tune ups”, sono letti da oltre 250.000 appassionati di tutti i giorni. 

Yehuda Berg vive a Los Angeles con la moglie e cinque figli.

Torna su

Michael BergMICHAEL BERG
Co-Direttore

Michael Berg è il co-direttore del Kabbalah Centre e della Kabbalah University, così come un autore, studioso e insegnante. È redattore e traduttore della prima traduziuone integrale in assoluto in inglese contemporaneo dei 23 volumi dello Zohar, il testo aramaico antico che è al cuore del pensiero cabalistico.

Essendo nato in una tradizione Kabbalistica, come il figlio del Rav e Karen Berg, lo stesso Michael fu immerso nella saggezza dello Zohar in giovane età, iniziando la sua traduzione quando aveva solo 18 anni, conclusa dieci anni dopo.

Abili a combinare attraverso materiali antichi e distillare informazioni complesse in elegante pensiero e linguaggio, Michael continua la tradizione iniziata dal Rav Berg, di condensare e semplificare la profonda saggezza della Kabbalah. Come un autore di best-seller che ha sviluppato un seguito in tutto il mondo con i libri come diventare come Becoming Like GodSecrets of the BibleThe Secret, e The Way, e fornisce approfondimenti settimanali che vengono letti da oltre 100.000 di persone ogni mese. Il suo lavoro più recente comprende la traduzione e l’editing dei testi centrali nello studio della Kabbalah, Matan Torà (pubblicato come The Wisdom of Truth)Introduction to the Ten Luminous Emanations (pubblicato come And You Shall Choose Life) di Rav Ashlag, il fondatore del Kabbalah Centre. 

Michael attualmente vive a Los Angeles con la moglie e tre figli, e tiene conferenze in tutto il mondo.

Torna su