Michael Berg

La maggior parte della porzione di Tazria riguarda le leggi sulla tzara’at, la lebbra. In una parte, si dice che la lebbra può presentarsi in tre punti: sull’individuo, sui suoi vestiti, o sulla sua casa. Il Talmud dice che sono degni quelli a cui il Creatore ha dato gli strumenti e i doni di: tefilin, che indossiamo sulla testa e sul braccio, il tzitzit, che indossiamo nei nostri vestiti o il tallit e nella mezuzah, che mettiamo sulla nostra porta. I kabbalisti spiegano che questi tre strumenti rappresentano le tre parti della nostra vita: il nostro corpo, le cose che possediamo (abbigliamento) e la nostra casa. Pertanto, ci dicono che una persona che usa questi tre strumenti può purificare non solo questi, ma tutti gli aspetti della sua vita.

Nel Talmud, Rabbi Eliezar, il figlio di Yaakov, dice: “Ogni persona che usa questi strumenti ogni giorno non peccherà”, intendendo che non farà nulla di negativo quel giorno.Si dice che se usiamo questi tre strumenti siamo protetti perché gli angeli del Creatore stanno attorno all’individuo che li usa.Il Rambam ha anche detto che una persona che usa tefilin, il tzitzit e ha una mezuzah sulla sua porta non cadrà, perché quelle azioni creano angeli che li proteggono.

Tuttavia, è vero? Come potevano i kabbalisti 2000 anni fa, affermare che chi usa questi tre strumenti, non cadrà? Non è per niente vero; conosciamo molte persone, noi compresi, che usano questi strumenti ogni giorno e cadono. Quindi, come hanno potuto dire che una volta che si usano questi tre strumenti, saremo circondati dagli angeli e saremo protetti? La risposta è che in realtà non si tratta solo di questi strumenti; mio padre, Rav Berg, ci ha sempre detto che “la consapevolezza è tutto”, ed è qui che si applica, perché usare gli strumenti non significa nulla senza consapevolezza. Non siamo in grado di risvegliare la Luce e gli angeli, a noi destinati, se non c’è la nostra consapevolezza. E questo è vero per ogni strumento che usiamo, non solo per il tefilin, lo tzitzit e la mezuzah.

Quanti di noi hanno consapevolezza quando usiamo questi strumenti del tipo, “Sto creando degli angeli che mi proteggeranno”? Quanti di noi, quando apriamo lo Zohar e leggiamo, hanno davvero questa consapevolezza: “Mentre sto leggendo queste parole, sto creando angeli che oggi mi proteggeranno”? Quando è stata l’ultima volta che abbiamo guardato la mezuzah della nostra casa e ci siamo presi il tempo di pensare: “Questo strumento sta per creare gli angeli che proteggeranno me, la mia famiglia e la mia casa”? Perché se non abbiamo costantemente questa consapevolezza, la mezuzah non fa altro che fermarsi sulla porta, e tutta la Luce e la protezione che tutti questi strumenti sono destinati a risvegliare e creare per noi, non ci circondano.

Pertanto, quando il Talmud dice molto chiaramente, “Se lo fai bene …”, cosa significa farlo “bene” significa: farlo con reale consapevolezza, quanti usano questi strumenti e hanno consapevolezza, non possono cadere. È molto importante, e spero che, la comprensione di questi strumenti, determinini in tutti noi un cambiamento: usarli non significa nulla e non producono l’effetto per cui ci sono stati dati a meno che non ci prendiamo il tempo di comprenderli e usarli con questa consapevolezza, cioè “Mentre sto facendo questa azione, sto creando gli angeli che mi proteggeranno”; se non lo facciamo, è come se l’azione fosse nulla, perché non riceviamo protezione o Luce da quell’azione.

Come tale, la prossima volta che apriamo lo Zohar, e indossiamo il nostro tallit, o guardiamo la nostra mezuzah, dobbiamo chiederci se lo stiamo facendo perché pensiamo che dobbiamo e che è la cosa giusta da farsi, o se lo facciamo con la consapevolezza che stiamo creando gli angeli che ci circonderanno e ci proteggeranno. Se non lo facciamo con questa consapevolezza, è come se non lo facessimo, perché non stiamo creando gli angeli e ricevendo la Luce e la protezione che questi strumenti sono destinati a darci. E così, con questa comprensione che riceviamo durante lo Shabbat Tazria, spero davvero che iniziamo tutti a utilizzare questi strumenti in modo diverso. Perché la maggior parte di noi non riceve gli angeli, la Luce e la protezione che questi strumenti sono destinati a darci. Tuttavia, se ci avvicineremo ad essi con consapevolezza, allora potremo creare quegli angeli, creare quella Luce e ricevere quella protezione.