Si dice nella Midrash che ogni giorno il Creatore rivela un nuovo modo, nuove conoscenze e nuovi percorsi. Ciò vuol dire che il Creatore rinnova la Creazione ogni giorno; lo schema spirituale, i percorsi spirituali, la saggezza spirituale e i concetti spirituali che esistono oggi sono nuovi di zecca. Ieri non esistevano. Perciò, se oggi facciamo il lavoro spirituale seguendo i percorsi di ieri, della scorsa settimana o del mese scorso, non ci stiamo connettendo perché i percorsi di oggi sono diversi. 

Allora, la domanda è: come si fa a connettersi a questi percorsi? Il fatto è che oggi non vogliamo fare il lavoro sbagliato. Vogliamo riuscire a connetterci. Come facciamo a connetterci al Creatore in un modo che sia nuovo? I Kabbalisti ci insegnano che ogni momento è diverso. Pertanto, nessuna preghiera o connessione è mai la stessa, perché tutto lo schema spirituale è in continuo cambiamento. 

La Midrash dice che il Creatore rivela nuovi insegnamenti ogni giorno, perché oggi lo schema è nuovo, ed è importante comprendere queste parole come se fossero un concetto: il mio lavoro di oggi deve in qualche modo mettersi in contatto con ciò che il Creatore ha creato oggi di completamente nuovo. Se non abbiamo questa consapevolezza, allora stiamo facendo il lavoro di ieri, del mese scorso, dell’anno scorso o addirittura di cinque anni fa. Se non ci stiamo connettendo al Creatore oggi, dipende dal fatto che è come se stessimo guidando una macchina con una mappa vecchia di secoli per andare da qualche parte.   

Quindi, in ogni singolo giorno il Creatore crea una nuova mappa. Come facciamo ad avere questa nuova mappa, e arrivare alla nostra destinazione di oggi? Arrivando ad avere questa consapevolezza con cui vogliamo trovare il nuovo percorso di oggi. Allora, il Creatore ce lo mostrerà. Il Creatore ce lo mostrerà, ma inizia con questa consapevolezza. Deve esserci veramente chiaro che oggi il Creatore ha creato dei nuovi percorsi di connessione. Noi possiamo usare alcuni degli strumenti che sono sempre disponibili, proprio come possiamo usare la nostra macchina con una nuova mappa o una mappa vecchia. Lo strumento, per esempio, è la macchina, ma non è la mappa, non è il percorso. La mappa è qualcosa di nuovo. Quindi, la prima cosa da comprendere è che la mappa è nuova, i percorsi sono nuovi, e sapere che oggi il Creatore ha creato dei nuovi percorsi, e che noi li vogliamo trovare e vogliamo fare in modo che il nostro lavoro funzioni in base alla nuova mappa. 

Talvolta, quando pensiamo alla Luce del Creatore, pensiamo, lo sapete, si tratta della Luce – io ottengo della Luce e tu ottieni della Luce. Ma non funziona in questo modo. La Luce di cui ognuno di noi ha bisogno è specifica per ognuno di noi e quindi è stata creata perfettamente per ognuno di noi, tanto che se ottenessimo la Luce di qualcun altro, non andrebbe bene per noi. La Luce perfetta che è stata creata per ognuno di noi va bene solamente per coloro per cui è stata creata così perfetta.   

Come riusciamo a fare un modo di ottenere la nostra Luce? In ogni momento, in ogni ora c’è una nuova Luce. E come facciamo a connetterci a questa nuova Luce? Comprendendo che, per prima cosa, si deve iniziare con questa consapevolezza. Ci deve essere chiaro che i percorsi di connessione si rinnovano in ogni singolo giorno. C’è un nuovo percorso e noi lo dobbiamo scoprire. E poi comprendendo che, per seconda cosa, in questo momento la nostra anima ha una Luce specifica che ha bisogno ricevere. 

Essere una persona spirituale e compiere delle azioni spirituali non garantisce nulla, a meno che tutto questo non si basi sulla comprensione che oggi c’è uno specifico percorso per noi; che c’è proprio una Luce specifica nei momenti a seguire, e noi la dobbiamo trovare. È così che facciamo in modo che i nuovi percorsi e una nuova Luce si facciano strada verso di noi. 

Ogni aspetto della nostra vita fa parte di questo nuovo percorso, ed è così che lo dobbiamo vedere. Perciò se ci succede qualcosa di negativo, è perché abbiamo bisogno di questo specifico accadimento per creare e prepararci a ricevere la Luce specifica che è a nostra disposizione oggi e in quel momento. Quindi, la prossima volta che ci succede qualcosa di negativo, possiamo ricordarci che succede perché il Creatore sa che, affinché la nostra anima trovi il nuovo percorso che è disponibile oggi, dobbiamo affrontare questa inversione o questo processo.